Nessun segnalibro
Tecniche di arresto sul ghiacciaio Tecniche di arresto sul ghiacciaio Tecniche di arresto sul ghiacciaio
Sottocapitolo: Tecniche di arresto sul ghiacciaio

Tecniche di arresto sul ghiacciaio

Sul ghiaccio e sul firn, le cadute possono verificarsi rapidamente. Già in terreni moderatamente ripidi, con inclinazione tra i 30 e i 35 gradi, si corre il rischio di accelerare velocemente e di scivolare. Ciò consente di raggiungere velocità come in caduta libera. Per questo è estremamente importante esercitare la tecnica di autoarresto nella parte finale di un pendio che non presenta rocce, in modo da automatizzare il processo ed essere pronti a reagire il più rapidamente possibile.

Per frenare SENZA RAMPONI su un terreno ripido ricoperto di firn è preferibile disporsi nella posizione di frenata a pancia in giù e con i piedi verso il basso. Se si cade, è importante assumere questa posizione il più rapidamente possibile. ! Se si calzano i RAMPONI, è indispensabile piegare le ginocchia e sollevare i ramponi in aria. In caso contrario sussiste il rischio di capovolgimento o di lesioni. Per frenare, si utilizza l’impugnatura di salvataggio della piccozza: si affonda la lama della piccozza nella neve che scivola così sotto il proprio corpo.

Variante 1 Variante 2 Variante 3 Variante 4
Scivolata di schiena senza piccozza e senza ramponi

Nelle cadute di schiena bisogna prima portarsi dalla posizione supina a quella prona, poi girare i piedi verso valle, muovendo le braccia con le gambe chiuse. Poi si assume la posizione di frenata e si frena con le gambe.

 

Scivolata di schiena con piccozza e senza ramponi

Nelle cadute di schiena bisogna prima portarsi dalla posizione supina a quella prona, poi girare i piedi verso valle, muovendo le braccia con le gambe chiuse. Poi si assume la posizione di frenata e si frena con le gambe.

 

Scivolata a pancia in giù con piccozza e senza ramponi

Nella posizione di frenata (proni con braccia e gambe leggermente divaricate) affondare le punte degli scarponi nella neve per arrestarsi. Le braccia, a loro volta, spingono il corpo lontano dalla superficie, come in una flessione, e la piccozza puntata provoca l’azione frenante.

 

Scivolata di schiena con la testa in avanti con piccozza e ramponi

Se si cade con la testa in avanti, occorre stringere i gomiti il prima possibile, portare le ginocchia al petto per mettersi così nella giusta posizione. A questo punto ci si gira dalla posizione supina a quella prona, si divaricano leggermente le gambe e si inclinano a formare un angolo, in modo che i ramponi non abbiano alcun contatto con la superficie. Anche qui viene utilizzata l’impugnatura della piccozza per frenare la caduta.

 

Alpinismo su neve e ghiaccio: il quiz

Scegliere la risposta corretta e cliccare su "Avanti".

Domanda 1 Domanda 2 Domanda 3

Quali distanze devono essere rispettate in una cordata a 3?
In quale posizione rispetto al pendio si effettuano dei colpi di punta con gli scarponi?

Questa è purtroppo la risposta sbagliata!

Per cosa è utile una formazione a V rovesciata?
A cosa si deve il pericolo di strangolamento nella corda a tracolla?

Questa è purtroppo la risposta sbagliata!

A cosa devo prestare attenzione in una caduta con i ramponi?

Questa è purtroppo la risposta sbagliata

Sottocapitolo: Tecniche di progressione sul firn

Congratulazioni!

Hai risposto correttamente a tutte le domande del quiz!

Capitolo 3

Metodi di salvataggio

Nel prossimo capitolo ci concentreremo sulle diverse tecniche di soccorso in crepaccio: il paranco con asola, l’autosoccorso della cordata e l’autosoccorso. Ciò significa anche costruire ancoraggi come il corpo morto, l’ancoraggio con il fittone, con la piccozza infissa in modo orizzontale o verticale per assicurare la cordata in sosta.

Al prossimo capitolo