Nessun segnalibro
Sottocapitolo: Primo soccorso in montagna

Provvedimenti di primo soccorso in ambiente

Quando si verifica un incidente in ambiente le lesioni possono esser molto varie: da leggere abrasioni a ferite con abbondanti emorragie, fratture o perdita di conoscenza. A seconda della necessità il partner di cordata deve offrire il primo soccorso e padroneggiare le azioni necessarie: soltanto così è possibile aiutare velocemente gli infortunati.

Ferita con abbondante emorragia e stato di shock Controllare la respirazone Rianimazione Posizione laterale di sicurezza

FERITA CON ABBONDATE EMORRAGIA E STATO DI SHOCK

In caso di una ferita con abbondante emorragia è basilare arrestare subito l’emorragia. L’operatore di primo soccorso deve eseguire una fasciatura compressiva. Il soccorritore deve indossare i guanti per proteggere se stesso e l’infortunato dalle infezioni e per evitare impurità nella ferita. 

FASCIATURA COMPRESSIVA

  1. Applicare la medicazione sterile sulla ferita
  2. Fissare la medicazione con due giri di benda
  3. Posizionare un rotolo di benda ancora confezionato o un pacchetto di garze come spessore direttamente sulla ferita coperta con la medicazione sterile
  4. Fissare lo spessore con il resto della benda
  5. Bloccare la fasciatura sullo spessore con un nodo o un fiocco
  6. Controllo: se le dita delle mani o dei piedi cominciano a formicolare significa che la fasciatura compressiva è troppo stretta e deve essere allentata con molta cautela. 

SHOCK CIRCOLATORIO (SHOCK DA MANCANZA DI VOLUME)

Uno shock circolatorio definisce uno squilibrio nel corpo tra la quantità di sangue necessario e la quantità di sangue presente. Se nel corpo non circola sangue a sufficienza alcuni organi vitali non potranno più essere riforniti di sangue e quindi di ossigeno in modo adeguato. Se le cause di uno shock non vengono subito eliminate può diventare molto pericoloso e avere addirittura conseguenze letali. Una forte perdita ematica è la causa principale dello shock circolatorio. Perciò è importante trattare una ferita con forte emorragia il più presto possibile per arrestare la perdita ematica.

Come si riconosce

  • Pallore
  • Sensazione di freddo, tremore
  • Sudori freddi
  • Agitazione, nervosismo
  • Indifferenza, disturbi fino alla perdita di coscienza e arresto circolatorio

Provvedimenti

  • Identificare la causa dello shock circolatorio
  • Trattare la ferita con abbondante emorragia
  • Se non lo si è ancora fatto dare l’allarme
  • Posizione in caso di shock: Sollevare le gambe
  • Sollevandole il sangue che si trova nelle gambe può scorrere verso gli organi vitali al centro del corpo. 
  • Coprire la persona sofferente e tenerla al caldo nel sacco da bivacco o nella coperta d’alluminio.
  • Assistere e parlare all’infortunato 

CONTROLLO DELLE FUNZIONI VITALI BASANDOSI SULLA TECNICA ABC

L’ABC è una tecnica mnemonica utilizzata per trattare velocemente i disturbi cardio-circolatori.

AIRWAY (VIE RESPIRATORIE)

  1. Girare la persona sul dorso 
  2. Non si esegue più il controllo approfondito della cavità orale nel primo soccorso. Tuttavia, se le vie respiratorie fossero palesemente ostruite da corpi estranei sarà necessario eliminarli.

BREATHING (RESPIRAZIONE)

  1. La respirazione viene tenuta costantemente sotto controllo.
  2. Osservare: si muove il torace?
  3. Ascoltare: l’operatore di primo soccorso riesce a sentire il respiro?
  4. Sentire: l’operatore di primo soccorso sente un flusso di aria calda proveniente dalla bocca o dal naso della persona infortunata? 

Se non si sente il respiro, i respiri sono scarsi o la respirazione è agonica si deve cominciare con la rianimazione!

CIRCULATION (CIRCOLAZIONE)

Se la persona infortunata è in grado di respirare regolarmente significa che si ha la circolazione sanguigna. Se la respirazione non è regolare si ha un paziente in arresto cardiaco.

ATTENZIONE: Eventuali emorragie devono essere arrestate immediatamente e hanno la priorità assoluta!Se oltre alla perdita di coscienza viene a mancare anche la respirazione l’operatore di primo soccorso deve cominciare subito con la rianimazione.  

RIANIMAZIONE

Se non si riscontra una respirazione normale in una persona priva di conoscenza si deve dare subito l’allarme. Immediatamente dopo segue la rianimazione cardiopolmonare per garantire l’apporto di ossigeno nel cervello. La rianimazione cardiopolmonare viene eseguita con una combinazione di massaggio cardiaco e ventilazione con un rapporto di 30 a 2. 

MASSAGGIO CARDICO

  1. Inginocchiarsi accanto alla persona priva di conoscenza all’altezza del torace.
     
  2. Porre la base del palmo di una mano nel punto di compressione dello sterno e il palmo dell’altra mano sul dorso della prima con le dita ben rialzate. La seconda mano viene messa sulla prima incrociando le dita delle mani. Tenere le braccia dritte.
     
  3. Con il peso del proprio corpo comprimere il torso della persona priva di conoscenza di quattro o sei centimetri. La pressione deve essere esercitata con forza e velocemente!
  4. Dopo ogni massaggio cardiaco il torace deve essere rilasciato completamente dalla pressione. Frequenza dei massaggi cardiaci: 100 volte al minuto, ossia quasi due volte al secondo.

  5. Dopo 30 massaggi cardiaci si esegue la ventilazione per 2 volte: Per questo chiudere le narici con il pollice e l’indice, porre l’altra mano sotto il mento e iperstendere il capo. Infine respirare normalmente e poi insufflare l'aria attraverso la bocca della persona infortunata.  

Eseguire massaggio cardiaco e ventilazione in un rapporto di 30:2 fino a quando il non sono arrivati i soccorsi (soccorso alpino/ medico d’urgenza) oppure fino a quando il soccorritore non sia esausto.

POSIZIONE LATERALE DI SICUREZZA 


Se la persona infortunata è priva di conoscenza respira però normalmente verrà portata in posizione laterale di sicurezza. La posizione laterale di sicurezza assicura che le vie respiratorie rimangano libere e che vomito o sangue possano fuoriuscire. La persona infortunata viene così protetta dal soffocamento. 

ATTENZIONE: Ogni perdita di coscienza indica un disturbo di salute molto serio che può essere addirittura letale per il paziente. Bisogna dare immediatamente l’allarme!

SEQUENZA

  1. Inginocchiarsi accanto alla persona priva di sensi
  2. Estendere accanto a sé il braccio del soggetto che dovrà formare un angolo di circa 90° sul terreno
  3. Il ginocchio forma invece un angolo meno esteso e verticale.
  4. Il soccorritore posiziona la mano dell'arto superiore opposto a sé tra la testa dell'infortunato e la spalla dal proprio lato.
  5. Afferra il soggetto per la spalla e per il fianco opposti a sé e, tirando, fa ruotare il corpo dell'infortunato
  6. Togliere delicatamente la mano da sotto la testa affinché la persona infortunata possa ritrovarsi accovacciata sul lato prescelto, con la mano del lato opposto sotto la testa. 
  7. Iperestendere il capo
  8. Aprire leggermente la bocca. La bocca dovrebbe trovarsi poco al di sotto dello stomaco affinché sangue o rigurgito non finiscano nei polmoni. 

Nonostante la posizione laterale stabile si deve controllare sempre la respirazione. Un arresto respiratorio potrebbe verificarsi in ogni momento. 

Quiz: Primo Soccorso

TRATTAMENTO DI UNA FERITA CON ABBONDANTE EMORRAGIA

Metti nell’ordine giusto!

Domanda 1 Domanda 2 Congratulazioni
Primo soccorso

Primo soccorso

In discesa il tuo partner di cordata è stanco e distratto. Inciampa in una radice e cade a terra a testa in avanti. Ha una ferita da taglio sulla fronte che sanguina molto. Cosa devi fare prestando il primo soccorso?

Per proteggersi dalle infezioni indossare i guanti usa e getta
Applicare direttamente sulla ferita uno spessore non assorbente e che abbia almeno le dimensioni della ferita
Applicare la medicazione sterile sulla ferita
Fissare la medicazione con due giri di benda
Fissare il corpo spesso con una fascia di garza o altro materiale (garza arrotolata, bendaggio, fascia a triangolo)
Bloccare la fasciatura sullo spessore con un nodo o un fiocco

Purtroppo questo è l’ordine sbagliato.

Provvedimenti salvavita immediati

Provvedimenti salvavita immediati
01 — Come operatore di primo soccorso, con quale rapporto esegui la rianimazione cardiopolmonare?

Il tuo partner di cordata è caduto violentemente, è privo di conoscenza e non sembra respirare. Dopo aver dato l’allarme segue immediatamente la rianimazione (rianimazione cardiopolmonare) affinché gli organi possano essere riforniti di ossigeno. Qual è il rapporto consigliato tra massaggio cardiaco e ventilazione?
02 — A cosa si deve fare attenzione nel trattamento di una frattura?

Tu e il tuo partner di cordata siete al primo tiro di corda quando si stacca una presa. Il tuo partner di cordata urta violentemente contro la parete. Quando lo porti giù da te con molta cautela è in stato di shock. Non riesce più a muovere il gomito e la gamba che sono anche in una posizione innaturale. A cosa devi fare attenzione, come operatore di primo soccorso, in caso di fratture ossee?
03 — Qual è la funzione della posizione laterale di sicurezza?

Il tuo partner di cordata è privo di conoscenza, la sua respirazione è però normale. Lo porti in posizione laterale di sicurezza. Perché?

Purtroppo è la risposta sbagliata.

Sottocapitolo: primo soccorso in montagna

Congratulazioni!

Hai risposto correttamente al quiz sul primo soccorso!

Ortovox fa uso di cookies per adattare nel miglior modo possibile il suo sito Internet alle esigenze dei visitatori. Se continui a navigare su questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Accetto